sabatoangieroarte.com logo
« < >

NELLA CITTA' DELL'ISTANTE MUTEVOLE - Raffaele Marone

Si mangia. Si dorme. Si muta. Così gli altri. Tutti gli altri. Tutto il resto. Impercettibili, irrefrenabili, istantanee conversioni di materie ed inconsistenze, di onde e minerali, di fluidi ed elettroni tenuti insieme da nomi ed etichette sotto le quali trasmigriamo, sublimando da stati solidi attraverso liquidi, in burrascose turbolenze aeriformi. Tra poli opposti per segno e posizione, oscilliamo. Percorrendo, stando fermi,

i n f i n i t e s i m i e d i n f i n i t i .

Quella voce che ascoltiamo nel silenzio, che non può essere assoluto, siamo noi estratti dalle profondità di ciò che esiste senza un prima e senza un dove. Quel discorso che non si interrompe è la misura della nostra resistenza della distanza tra la superfice senziente e l’armonia del sottosuolo. Entrare nel mutamento, esserne parte non è una scelta ma una verità che la parte esposta non riesce a creder vera a dispetto delle foto che ci negano ed irridono. Strutture architettoniche e sovrastrutture sociali per quanto solide o flessibili esse appaiano, vengono travolte e si scoprono miserabili, perché esse stesse consapevoli della vanità che le sostanzia. Che la materia, proprio perché astratta non può essere in alcun modo fissata, pena la sua collocazione nel nulla privo di senso. La ruggine non è oblio. Non lo sono i cespugli che affiorano nei centri commerciali. L’argine eretto è la follia, il delirio di chi non sa d’essere altro che i panni di cui è convinto d’esser fatto. Non siamo giacche e cappotti. Ma i capelli che abbiamo creduto di perdere. L’illusione del rallentamento è l’illusione che tutti pensiamo autentica. La vanità del silicone e l’oscena innaturale consistenza delle plastiche, il responso dei nostri vaneggiamenti. L’ostinazione e la pretesa d’esser sbalzati fuori dal tempo, di deragliare e scappar via la tragicomica vicenda dell’io che non s’accorge del ciclo che è sopra e sotto, fuori e dentro, prima e dopo. Osservare con intensità e sguardi rinnovabili, dunque per cogliere la meraviglia della città dell’istante mutevole che è già eterna e tutta presente sotto i nostri sensi. Uno e sessantaquattro esagrammi sovrapposti, innestati l’unonell’altro eppure ben distinti e visibili se toccati col profumo, se percorsi con lo sguardo ammutolito, annusati nel silenzio dell’io che la smette di parlare e accetta d’essere altro se finalmente, per un istante, comincia a lasciarsi camminare, tra dolore ed allegria.

Francesco Aliperti Bigliardo


foto Peppe Maisto



ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.sabatoangieroarte.com/nella_citta_dell_istante_mutevole_raffaele_marone-r14962

Share link on
Chiudi / Close
loading